Roma, lunedì 15 luglio 2013 – Si è trasferita a Roma la terza edizione del Food and Wine Festival, la rassegna enogastronomica che dal 17 al 19 maggio ha ospitato all’ultimo piano dell’Eataly Roma chef stellati e produttori di aziende vinicole provenienti da tutta Italia. Come nelle edizioni precedenti tenutesi a Milano, curatori della rassegna sono stati Paolo Marchi – giornalista sportivo e gastronomico del “Giornale”e ideatore di Identità Golose- e Helmuth Kocher – presidente e fondatore del Merano Wine Festival – che hanno scelto come location dell’evento l’Eataly Roma, store di ristoranti inaugurato a giugno dell’anno scorso dall’imprenditore Oscar Farinetti al Terminal Ostiense. La tre giorni è stata un’occasione per esaltare il made in Italy e il patrimonio enogastronomico che tutto il mondo ci invidia ma che purtroppo qualcuno in Italia non percepisce. Ed è in riferimento ad una dichiarazione del sottosegretario ai Beni Culturali, Ilaria Carla Anna Buitoni, rilasciata a Panorama, nella quale affermava: “in Italia s’è smesso da tempo di mangiar bene. Siamo corsi dietro alle mode, ai francesi, allontanandoci dalla nostra idea di cucina”, che Paolo Marchi risponde difendendo il patrimonio gastronomico italiano: “ il mondo vuole mangiare italiano e il 90% del cibo italiano consumato fuori dal nostro paese non è prodotto in Italia.

Ma se tantissimi accettano le cose più mediocri pur di mangiare tricolore, significa che la voglia di italiano è così forte che chi ci governa dovrebbe prendere questo dato come punto di partenza per sviluppare cultura, conoscenza e supportare i nostri cuochi e i nostri artigiani, portarli in palmo di mano e combattere frodi e falsità”. A questo proposito il Food and Wine Festival ha ospitato rinomati chef italiani come Cristina Bowerman, premiata nel 2008 dal Gambero Rosso con due forchette e nel 2010 con una stella Michelin, i fratelli Manuel e Christian Costardi, Fabrizio Ferrari, Luciano Monosilio e tanti altri. Ma non solo, gli chef sono stati affiancati dai produttori di vino e dalle loro etichette più rappresentative spaziando dal Trentino alla Sicilia. La prima giornata si è aperta proprio con sommelier del livello di Alessandra Rotondi, Marco Reitano e Paolo Abballe che hanno collaborato insieme agli chef Ugo Alciati, Moreno Cedroni, Arcangelo Dandini, Marianna Vitale e Heinz Beck, per studiare i migliori abbinamenti di vini e birre con i piatti proposti. Il secondo giorno la manifestazione è continuata con degustazioni di piatti innovativi per finire il terzo giorno con una presentazione dei grandi vini autoctoni semisconosciuti con l’intento di portarli tra il grande pubblico.

Clara Pellegrino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *