Una formula originale per giungere alla stesura di un romanzo inedito a due mani. La casa editrice romana presenta una formula innovativa, che richiama alla mente i giochi letterari dadaisti   

 

di Massimo Alfano
redazione@lacittametropolitana.it

Roma, giovedì 2 luglio 2009 – Due sconosciuti, la passione per la scrittura, un solo racconto: queste le basi del primo Torneo di “Ping Pong Letterario”, indetto dalla casa editrice Gio.ca e patrocinato dalla Provincia di Roma. L’idea è originale e le regole sono semplici. Due persone, estranee tra loro, saranno scelte a caso e dovranno scrivere insieme un racconto, senza pianificare la trama, alternandosi nella stesura dei capitoli. Lo scopo è quello di stimolare la fantasia, la competizione, lo scambio di emozioni, per arrivare alla redazione di un elaborato inedito, scritto a due mani. “Il Torneo è basato sul lavoro di coppia – spiega Giorgia Patini, Direttore Editoriale della Gio.Ca -. La vera novità è che le coppie selezionate per scrivere il racconto verranno formate in modo assolutamente casuale e i componenti non si conosceranno né potranno entrare in contatto tra loro sino alla fine del Torneo, pena l’eliminazione. L’iniziativa è aperta ad autori di qualunque età, purché maggiorenni, ma soprattutto è rivolta a coloro che hanno sempre desiderato scrivere e che spesso si sono bloccati di fronte ad una pagina bianca”. Come nel Ping Pong, anche qui i due giocatori sono in un certo senso avversari: i temi dell’uno possono essere completamente stravolti dall’altro. Proprio questo meccanismo arricchisce la trama di nuovi stimoli, ma solo diventando complici, i due sconosciuti riusciranno a maturare una conclusione condivisibile.

“L’alternanza della scrittura dei capitoli tra un autore e l’altro – prosegue ancora Giorgia Patini – crea attesa e sorpresa ad ogni scambio, stimolando l’inventiva di ciascuno nel trovare risposte adeguate alle varie direzioni possibili che il racconto potrà prendere”. L’editrice Gio.Ca intende promuovere e sviluppare giochi dove sono protagonisti le parole, l’inchiostro e la carta. Il “Ping Pong Letterario” è la prima avventura di questa neonata casa editrice, creato sulla convinzione che lo sport della mente possa dare le stesse soddisfazioni di quello fisico. Per partecipare alla selezione, gli autori devono presentare un elaborato della lunghezza massima di una cartella, scritto in lingua italiana, su incipit: “Frugando vecchie carte l’attenzione fu attratta da una ricevuta di tintoria. Era sbiadita. Sembrava di almeno tre anni prima. Avevano pulito un soprabito, la data sembrava 23 Febbraio. Perché far pulire un soprabito in pieno inverno?” Alla fine del torneo il racconto giudicato migliore verrà premiato con un riconoscimento e con la pubblicazione. I testi dovranno essere inviati entro il prossimo 30 ottobre 2009 all’indirizzo selezione@giocalibri.com, dove sarà possibile anche scaricare il regolamento completo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *