Roma, lunedì 2 maggio 2011 – Tutto esaurito al Coachella Festival, l’annuale rassegna musicale che si è svolta all’ interno dell’Empire Polo Fields di Indio in California dal 15 al 17 aprile 2011. In una settimana i circa 80 mila biglietti a disposizione erano andati a ruba. Non c’è da stupirsi visto che il calendario dell’evento prevedeva per il 15 aprile le perfomance live di artisti del calibro di Kings of Leon, Black Keys, Interpol, Chemical Brothers, Lauryn Hill e Brandon Flowers. Per il 16 aprile quelle di Arcade Fire, Animal Collective, Mumford & Sons, Bright Eyes, Kills e Big Audio Dynamite e il gran finale del 17 con Strokes, Kanye West, Duran Duran, National, PJ Harvey, Death From Above 1979 e gli italiani Bloody Beetroots. La prima edizione della kermesse musicale si tenne nel 1999 ma, vista la scarsa affluenza di pubblico, riprese solo nel 2001. Da allora l’evento ha continuato a crescere in popolarità, ospitando le esibizioni di artisti come Moby, Oasis, Red Hot Chili Peppers, The Killers, Coldplay, Madonna, Arctic Monkeys, Roger Waters e Paul McCartney, fino a diventare una delle manifestazioni del suo genere più importanti del pianeta.

Il festival, organizzato dalla Goldenvoice, una società consociata alla AEG Live, agenzia statunitense specializzata nell’organizzazione di eventi, ogni anno ospita anche numerose installazioni artistiche e sculture. L’evento inoltre ha lo scopo di sensibilizzare i giovani al rispetto dell’ambiente. Per questo motivo offre l’opportunità di conoscere le star preferite agli spettatori che si recano al concerto con una sola vettura ogni quattro persone. Oppure, a seguito del programma di riciclaggio, garantisce una bottiglia d’acqua gratuita a chi consegna dieci vuoti. Dal 2003 il festival garantisce un campeggio per il pubblico situato poco distante dai palchi, coordinato da Kevin Lyman, creatore di tour musicali e festival di sport estremi come il Warped Tour e The Thaste of Chaos. Nel corso degli anni era diventata una consuetudine che in ogni edizione di Coachella una band sciolta da tempo si riunisse. I primi furono i Jane’s Addiction nel 2001. Nel 2002 fu invece la volta dei Siouxsie and the Banshees e nel 2003 degli Stooges. Nel 2004 si riunirono i Pixies, nel 2005 i Bauhaus, nel 2007 i Rage Against the Machine e nel 2008 i The Verve. Dalla prima edizione ad oggi sono circa un milione le persone che sono affluite alla manifestazione musicale che ogni anno richiama appassionati non solo dagli States ma da ogni parte del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *