Roma, giovedì 24 marzo 2011 – Storyboard, un titolo che dice tutto. “Storie ai bordi”, racconti di gente che ai bordi di periferia ci passa un’intera vita e che si intrecciano l’uno all’altro creando unoo spettacolo che racchiude una decina di storie tutte diverse, ma dirette verso un unico finale. Sul palco si alternano vari personaggi. Un bravissimo Mimmo Strati porta in scena la storia di un pupazzo, Vladimir Cazlof, e del bambino che lo abbandona e quella di un metronotte che trova un cellulare che lo condurrà fuori dalla sua solitudine. Sulla stessa strada si imbattono anche altri personaggi tra cui un cabarettista poco talentuoso e una ragazza che deve raccogliere firme per far diventare “Nera”, un trovatello coraggioso, il cane del quartiere. Un incontro a luci rosse, una talentuosa chef mai arrivata in cima per colpa degli stereotipi e un addio al celibato un po’ troppo alcolico fatto di ripensamenti e sensi di colpa. Personaggi messi in scena da un esilarante Alberto Bognanni e una convincente Siddharta Prestinari. Ma cos’è che lega tutte queste storie? E così l’incrocio di quella periferia che prima vedeva divisi i vari personaggi dalle storie tutte diverse diventerà il luogo dove tutto verrà a galla.

Dopo il successo ottenuto per tre stagioni di fila con “Romeo e Giulietta peccavano eccome” scritto e diretto da Mimmo Strati, la Nuova Compagnia di Teatro Luisa Mariani torna a calcare il palco teatrale con “Storyboard”. Una commedia da non perdere dove tra ironia e realtà si racconta la storia di persone ai margini della città, non solo di Roma, che reagiscono con orgoglio e dignità alla loro emarginazione, diventando così il simbolo del nostro modo di essere e di vivere la vita. Hanno partecipato alla realizzazione dello spettacolo anche Paolo Carnevali per gli interventi musicali dal vivo e Tony di Tore alle luci e alla fonica. “Storyboard” al Teatro Sette, (Via Benevento, 23 – Roma), dal 22 marzo al 3 aprile. Dal martedì al sabato ore 21.00 e la domenica ore 18.00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *