E’ un successo planetario quello di Avatar, film realizzato in 3D di James Cameron che stabilisce il nuovo record d’incassi superando quello già ottenuto con Titanic

di Antonella Furci
redazione@lacittametropolitana.it

Roma, venerdì 29 gennaio 2010 – Con “Avatar” James Cameron ha superato se stesso. In poco più di sei settimane il colossal fantascientifico, si è piazzato al primo posto della classifica dei più alti incassi cinematografici di tutti i tempi. Grande soddisfazione ovviamente in casa 20th Century Fox che, tramite il suo portavoce Greg Brilliant, ha annunciato che l’incasso globale del film ha raggiunto 1miliardo e 859 milioni di dollari contro  1 miliardo e 843 milioni di dollari di Titanic, sempre di Cameron. Un vantaggio, quello di “Avatar”, che sicuramente è destinato ad aumentare visto che il potenziale economico è ancora molto forte. Il film continua infatti a “regnare” incontrastato in molti paesi, compresi Stati Uniti, Canada, Francia, Germania, Russia, Gran Bretagna e Australia. Le vendite hanno avuto un’ulteriore spinta anche dal prezzo per la visione in 3D, da cui deriva il 72% degli incassi mondiali.

Il conseguimento di un tale successo, però, è costato un certo prezzo e ha richiesto anche tanti anni di lavoro per essere realizzato. Il suo budget ufficiale è infatti di almeno 300 milioni di dollari, e ci sono voluti ben 10 anni di ideazione, 5 di realizzazione, senza dimenticare gli 800 tecnici, i 37 attori, le mille comparse reali e le mille virtuali. A dare un maggiore contributo a questo successo è senz’altro la proiezione in 3D che dà una visione più realistica delle scene accompagnando gli spettatori nell’Universo di Pandora nell’anno 2154. All’inizio del mese si è aggiudicato il Golden Globe per il miglior film drammatico e secondo alcune voci pare sia già in programma un eventuale seguito, nonostante Cameron sembri più intenzionato a far passare un po’ di tempo fra Avatar e un possibile sequel. Nel frattempo il regista si trova già impegnato a produrre un altro nuovo film di fantascienza, "Battle angel".

Infine, c’è da dire che anche il lavoro eccellente di un altro personaggio come Joe Letteri ha contribuito a far appassionare le persone  ad Avatar. Già premio Oscar con “Il Signore degli Anelli” e “King Kong”, americano ma di chiare origini italiane, Letteri è il mago che ha dato vita sotto la direzione artistica di Cameron ai trucchi digitali del film. Ieri alla conferenza stampa del “Future Film Festival” di Bologna, ha spiegato come con i potenti mezzi della Weta digital, la telecamera che lui stesso ha contribuito a realizzare in sei anni, ha dato vita alla flora luminescente del pianeta Pandora, alla pericolosa fauna che lo abita, fino ai Na’vi, alieni a metà tra uomini e  felini, che emozionano gli spettatori con la loro disperata lotta contro i colonizzatori umani. Per quanto riguarda l’Italia, la pellicola ha incassato fino a ieri la cifra di 28.500.000 euro con un media copia spaventosa di 1.100.000, una cifra destinata molto probabilmente ad aumentare.

Di a.furci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *