Roma, Venerdì 20 maggio 2011 – “Osteria A Piedi Pari” cos’è? Un tuffo nella Roma sparita. Sembra un set cinematografico, in realtà è un posto dove si mangia benissimo e dove il cliente viene accolto con estrema cordialità e cortesia. Il caratteristico locale si raggiunge facendo quattro passi per i vicoli del quartiere San Lorenzo a Roma. Giunti al civico n. 107 di Via dei Volsci l’occhio si posa su un ambiente accogliente arredato come un’antica locanda di fine Ottocento. Quello che rende il locale imperdibile, oltre alla singolare ambientazione con richiamo a scene di vita quotidiana tra balconate e finestre di panni stesi dai vivaci colori, è la riscoperta degli antichi sapori della cucina romanesca a prezzi contenuti, secondo un ottimo rapporto qualità/prezzo. Tamara ed i suoi familiari hanno tanto da insegnare ai romani in termini di accoglienza. Quando si mangia all’Osteria A Piedi Pari sembra di stare a casa propria. C’è un clima di cordialità d’altri tempi che invoglia a tornare, se non altro per assaggiare di volta in volta le nuove specialità della casa. In questo luogo ricavato all’interno di una vecchia enoteca si ha la possibilità di scegliere tra una ventina di etichette di vini provenienti dalle cantine laziali e di degustare piatti davvero invitanti tra cui:

Antipasto a piedi pari (una selezione di salumi e formaggi speziati attorniati da verdure grigliate e da tre assaggi di trippa, nervetti e fagioli con le cotiche);

Orecchiette pachino menta e pecorino romano (pasta rigorosamente artigianale);

Fettuccine caserecce funghi porcini e pachino;

Pappardelle al cinghiale;

Straccetti rucola e pachino;

Saltimbocca alla romana;

Cotolette d’abbacchio a scotta dito;

Bistecca di manzo alla griglia;

Broccoletti, puntarelle, verdure grigliate, Carciofi alla Giudia;

Ottime pizze di tutti i tipi;

Calzoni, bruschette, fritti misti;

Ottimi dolci, Tiramisù, Mousse di cioccolata, panna cotta, crema catalana, Creme Caramel;

e per finire Fragole con panna e sbriciolata con ricotta e cioccolato fondente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *