Il cibo si racconta: una full immersion nel cibo attraverso il cinema, il gusto e la cultura

 

di Barbara Santamato
redazione@lacittametropolitana.it

Roma, lunedì 11 maggio 2009 – Si è concluso ieri, domenica 10 maggio, Slow Food on Film, Festival internazionale di cinema e cibo, che si è avvalso della preziosa collaborazione del movimento Slow Food e dalla Cineteca del Comune di Bologna. Si tratta di una manifestazione che porta avanti una campagna a favore del cibo: film, cortometraggi, documentari e serie tv concorrono per la chiocciola d’oro assegnata dalla Food & Film Academy. Essi avanzano un discorso originale sul cibo (attraverso la rappresentazione emotiva di pulsioni, perversioni, implicazioni di identità ed affettive), sui problemi dell’agro-alimentare (attraverso l’analisi di esiti economici, sociali e ricadute ambientali) e sulla memoria gastronomica come patrimonio da salvare.

La prima edizione ha raggiunto le duemila presenze giornaliere nelle sale,1350 snack slow venduti e 800 accreditati provenienti da venti paesi. Il festival è stato avviato dall’anteprima del documentario di Ermanno Olmi “Terra Madre”, opera che esprime i valori del cibo attraverso la memoria contadina, i veri valori con cui poter combattere i grandi problemi ambientali; i contadini di Terra Madre  insegnano  il rispetto per la natura e il rifiuto dello spreco. La manifestazione è stata associata a degustazioni, laboratori del gusto e snacks slow. Il pubblico ha potuto così assaggiare e comprare frutta, verdura di stagione, pane, prodotti da forno, e poi salumi,  marmellate, formaggio, birre artigianali da 30 produttori della provincia bolognese, vera e propria agricoltura pulita e sostenibile. Caratteristica rimane la sezione di Un film nel piatto, serate dedite al mix di cultura e gusto secondo la associazione film/piatto. Ogni visione di film è stata seguita dalla degustazione di un piatto a tema, preparato da Slow Food Emilia Romagna. Il cibo come veicolo per la salute, il cinema come arma contro la industrializzazione del cibo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *