A dieci anni dalla sua apparizione on line, SomaFM è oggi una delle stazione cult della Rete. Sono gli utenti a scegliere il palinsesto tra un catalogo di migliaia di titoli. Oltre 5 milioni di ascoltatori 

di Marina Carbone
redazione@lacittametropolitana.it

Roma, lunedì 13 dicembre 2010 – Se siete stanchi dei soliti deejay armati di fraseggio standard e house music o di ascoltare il solito fritto – misto di musica pop condito di battutacce e notizie strambe sul mondo, se sentite il bisogno di poter scegliere la colonna sonora del vostro umore, sintonizzatevi su SomaFM, la radio in streaming live con 5.8 milioni di ascoltatori. E dato che si nutre del supporto degli ascoltatori, non vi dovrete sorbire noiose interruzioni pubblicitarie. Fondata nel 1999 da Rusty Hodge – che già al liceo mostra una buona  predisposizione per la musica e i computer – la radio debutta sul web nel febbraio del 2000 con la sua prima stazione, “Drone Zone”, essential e minimal beat, a cui segue “Groove Salad”, dai toni caldi e atmosferici. SomaFM  ha tre importanti parole chiave: listener-supported,commercial-free, internet-only. L’unico scopo è dare un Corpo, appunto, un Soma, all’anima della musica che ognuno si porta dentro. Ma “Soma” è tanto altro ancora. Il nome di una divinità induista, la “droga del perfetto piacere” ne “Il nuovo mondo” – romanzo di fantascienza di Aldous Huxley -, l’underground di San Francisco, dove risiede la sua banca dati. Ad oggi la radio conta ventidue stazioni, dai colori vintage dell’ “Illinois Street Lounge” al ritiro spirituale asiatico di “Suburbs of Goa”.

E se ascoltare note d’ambiente può diventare monotono e spersonalizzante, basta cambiare zone e andare in “Covers”, una lista di tracce di pezzi noti eseguiti da altre band. E ora che il 25 dicembre si avvicina, Soma propone “Xmas in Frisco” e “Christmas Lounge”, due stazioni che offrono un’ampia gamma di motivi a tema natalizio. Impossibile annoiarsi. Anche perché SomaFM ha a disposizione dei suoi deejay, ognuno a capo di una stazione e del suo genere, una disco-teca di settemila Cd e di centoventimila tracce digitali. Delle tracce, ogni deejay fa una selezione e le trasmette per voi. Per un totale di tredicimila artisti diversi “suonati” negli ultimi due anni.  “Che cosa ci aspettiamo dal futuro?” E’ la domanda che si pone l’intero cast di Soma.  “Ovunque tu vada e qualsiasi cosa tu stia facendo, vogliamo che SomaFm sia reperibile”. La sfida è quella di rendere la radio rintracciabile sempre e ovunque. Non senza l’aiuto delle nuove tecnologie. Presto immergersi nelle sfumature multicolori del sound di Soma sarà ancora più semplice. Non solo in internet, ma tramite I-phone, sistemi wireless, cellulari. Una radio senza genere, tanti generi in una sola radio. Tutta la vostra musica preferita, a portata di mano. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *