Carlo Verdone
L’attore protagonista all’Est Film Festival di Montefiascone, dove ha ricevuto un premio alla carriera. Si è definito un attento osservatore di pregi, difetti e tic della gente comune, ha criticato i tagli alla cultura del governo Belusconi ed ha incantato la platea con il racconto delle sue esperienze, con un vero e proprio "atto d’amore" nei confronti di Alberto Sordi, delle "sue" donne e del padre da poco scomparso

Carlo Verdonedi Gipro

redazione@lacittametropolitana.it 

Montefiascone (Viterbo), giovedì 6 agosto 2009 – Terza edizione di Est Film Festival a Montefiascone (dal 25 luglio al 2 agosto) che oltre a presentare i sette film in concorso, a contendersi l’Arco d’oro, ha visto sezioni dedicate ai documentari e ai corti.Ospite d’eccezione, per l’apertura del Festival, è stato Carlo Verdone che, nello splendido e suggestivo scenario della Rocca dei Papi, ha ricevuto un premio speciale: l’Arco alla carriera.

Davanti ad un caloroso pubblico, Carlo Verdone ha rivisitato con un pizzico di nostalgia i suoi primi passi nel mondo del cinema, come attore e successivamente come regista, senza dimenticare la figura d’attore che forse lo ha segnato maggiormente la sua carriera: Alberto Sordi. Per ultimo, con la voce strozzata dall’emozione l’attore romano ha ricordato l’adorato padre, scomparso da appena un mese, al quale è stato dedicato la sua ultima opera che verrà proiettata nei cinema italiani all’inizio del prossimo anno: Io loro e Lara.

Il Festival

“Ringrazio per l’accoglienza e l’affetto – ha detto Verdone – della splendida città di Montefiascone, che mi ha omaggiato del prezioso riconoscimento, l’Arco alla carriera, che mi emoziona e mi rende particolarmente felice anche se sono trascorsi oltre trenta anni dal film che mi ha consacrato al grande pubblico: Un sacco bello. C’è un aneddoto che vorrei raccontare che riguarda l’organizzazione del Festival che mi sembra particolarmente simpatico e significativo. Non amo viaggiare in Internet, ma ogni tanto mi concedo alcune ricerche a siti dedicati alla cinematografia e un giorno lessi una recensione negativa relativa al film Grande, grosso e Verdone. Contattai per e-mail l’autore della critica che mi rispose con toni garbati e così conobbi uno degli organizzatori del Festival, che in questo momento storico è un prezioso e importante appuntamento con la cultura, visti i pesanti tagli effettuati dal governo Berlusconi, che ha preventivato dieci milioni di euro per il cinema, il ballo ed altre discipline. Tagli di questo tipo minano il futuro ad eventuali giovani che vogliono intraprendere questa carriera”.

Attore e regista

“Il ruolo di attore – ha continuato Verdone – lo amo particolarmente perché mi consente di mettere in scena i personaggi della realtà e della quotidianità. Mi definisco un "pedinatore", perché riesco a carpire dai personaggi della vita quotidiana, dal barista, al panettiere, al giornalaio, le fragilità, debolezze, modi di fare ed eventuali tic che rendono il personaggio unico. Alcuni miei colleghi non vivono queste realtà, perché sono presi dalla vita notturna e si perdono i momenti importanti della giornata. Come regista vorrei essere ricordato con un’unica frase: un regista che amavale sue attrici. Ho lavorato e ho lanciato diverse attrici come Ornella Muti, Claudia Gerini, Asia Argento, Margherita Buy e tante altre. È il mio destino vivere tra le donne: da bambino tra mamma, zie e collaboratrici domestiche la mia vita èstata sempre affollata dal sesso femminile. Vorrei inoltre sottolineare che da regista, nel passato,  ho sempre utilizzato i caratteristi come Elena Fabrizi (sora Lella), Mario Brega perché rappresentavano la Trastevere che ora non esiste più perché oramai c’è una Roma diffidente e per niente umana”.        

Io e Sordi

Ancora Verdone: “Da bambino con la mia famiglia vivevamo in via delle Zoccolette. La finestra del mio appartamento affacciava di fronte a quella di Alberto Sordi e, incuriosito da questo personaggio, lanciavo spesso dei sassolini alla sua finestra, ma un giorno si affacciò e mi disse: “A ragazzi’ vattene”. Ma non sono sicuro se fosse Alberto o sua sorella: erano molto simili. Albertone mi ha definito il suo erede, ma non è vero perché abbiamo caratteristiche diverse che ci contraddistinguono. Alberto è stato una straordinaria maschera che mi ha fatto amare la commedia italiana ed ha rappresentato i vizi e le virtù degli italiani con una buona dose di cinismo. Ho avuto la fortuna di frequentarlo anche nella sua splendida villa che si affacciava sulle terme di Caracalla, ma Alberto viveva quasi come un monaco con le finestre completamente chiuse che non lasciavano trasparire nulla dall’esterno. Era molto triste e malinconico, ma con un sorriso si illuminava di nuovo”

Io e mio padre

“Mio padre – ha concluso Verdone – è scomparso da un mese, durante la lavorazione del film Io loro e Lara con Laura Chiatti. Pensavo che non sarei mai riuscito a terminarlo, ma mio padre dal cielo mi ha aiutato e le scene previste in Africa sono state ultimate. Il film è stato dedicato a mio padre”.

Di Massimo Marciano

Fondatore e direttore di La Città Metropolitana. Giornalista professionista, youtuber, presidente e docente dell'Università Popolare dei Castelli Romani (Ente accreditato per la formazione professionale continua dei giornalisti), eletto più volte negli anni per rappresentare i colleghi in sindacato, Ordine e Istituto di previdenza dei giornalisti. Romano di nascita (nel 1963), ciociaro di origine, residente da sempre nei Castelli Romani, appassionato viaggiatore per città, borghi, colline, laghi, monti e mari d'Italia, attento osservatore del mondo (e, quando tempo e soldi lo permettono, anche turista). La passione per la scrittura è nata con i temi in classe al liceo e non riesce a distrarmi da questo mondo neanche una donna, tranne mia figlia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *