Dopo il successo del primo appuntamento, il ristorante "il Torchio" a Frascati, in collaborazione con l’associazione Streetfood, ripropone un menù di strada, legato alle tradizioni  agroalimentari del territorio

di Emiliano Sinopoli
redazione@lacittametropolitana.it

Roma, sabato 14 marzo 2009- Il divario fra cibo da consumo veloce e tradizione del consumo conviviale si fa sempre più aspro. Un’opinione pubblica attenta alla qualità dei servizi e dei prodotti alimentari, perplessa di fronte ad una offerta proposta in pubblici esercizi e ristoranti fuori dall’ordinario per il prezzo più che per la validità della proposta, può riscoprire il gusto e la qualità di un cibo di strada che recuperi la tradizione originaria. Questa ed altre tematiche saranno affrontate durante la presentazione che l’Associazione Streetfood è stata invitata a fare presso il  ristorante "il Torchio" a Frascati (RM), domenica 15 marzo all’ora di pranzo.

L’evento Streetfood vol. 2, vuole invitare tutti a “tornare con i piedi per terra” e per questo vuole far emergere l’intelligenza e la convenienza di una proposta di alimentazione che affonda le sue radici nella tradizione italiana. Una ristorazione più attenta ai bisogni del consumatore, con prezzi accettabili, capace di ricollegarsi al territorio negli approvigionamenti, in grado di recuperare il valore del cibo come momento di relazione con gli altri (convivialità) e con l’ambiente (ecosostenibilità), ovvero un’alimentazione fonte di piacere e di benessere. Progetti innovativi senza stravolgere la tradizione e informazione e comunicazione su più fronti è quello che si prefigge di fare l’Associazione Streetfood.

Il cibo di strada dall’antichità in cui era nutrizione fondamentale di pastori, milizie, viandanti e pellegrini, in viaggio verso mète lontane, è improvvisamente apparso assieme ai primi mercati presso i maggiori centri e nei borghi dell’epoca Medioevale. Lì è rimasto finché la modernità e la “evoluzione” hanno portato ad un’asettica standardizzazione di sapori e un’industrializzazione dei processi di produzione. Così Streetfood si propone di restituire forza al sistema mercato corredandolo dell’immancabile presenza di piccole chicche della gastronomia,  legate alle tradizioni agro-alimentari del territorio di appartenenza.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *